Étranger
Ita Eng Deu
Privacy Policy

La Legione straniera

La Legione straniera francese viene fondata nel 1831 dal re Luigi Filippo, il “re borghese”, con il compito di conquistare l’Algeria, primo tassello del nuovo impero coloniale francese. A Sidi Bel Abbes viene istituita la base storica della Legione in Nord Africa. La Legione nasce come un corpo formato da volontari stranieri da impiegare nei territori caldi delle colonie, nelle “guerre sporche” dove vengono spediti a uccidere e morire al posto dei giovani francesi: Madagascar, Indocina, Gabon, Ciad, Corno d’Africa, in Messico al seguito di Massimiliano d’Asburgo. Ma anche nella Campagna d’Italia, a Magenta e Solferino, e nelle due guerre mondiali del Novecento, con gli alleati, nelle battaglie più dure, dalle Argonne a Narvik, dal Nord Africa all’Italia. A seconda dei diversi periodi storici, è rifugio di perseguitati politici, rivoluzionari braccati, reduci sconfitti, criminali ricercati, ma anche di disperati, idealisti e migranti economici. Patrioti italiani del Risorgimento, soldati tedeschi dopo la prima guerra mondiale. E ancora: russi “bianchi” anticomunisti, e antinazisti e antifascisti che firmano l’ingaggio per combattere contro le potenze dell’Asse. Dopo la seconda guerra mondiale, accoglie fascisti e nazisti in fuga, i reduci della Wehrmacht ingaggiati nei campi di prigionia, profughi che scappano dai paesi inghiottiti dal blocco orientale, ma anche ex partigiani, anarchici e comunisti. E migliaia di italiani emigrati clandestinamente in Francia in cerca di lavoro, messi davanti alla scelta: galera o Legione. Tra gli italiani che ne hanno fatto parte, l’eroe del Risorgimento Carlo Pisacane; lo scrittore Curzio Malaparte nella prima guerra mondiale; Giuseppe Bottai, ministro di Mussolini che si arruola dopo il 25 luglio 1943; e il giornalista Bernardo Valli. “Quella” Legione straniera finisce nel 1962 dopo la rivolta dei pied noirs e il fallito putsch in Algeria. La Legione viene radicalmente riformata da De Gaulle: non più porto per gli sconfitti di ogni paese e nazione, ma un corpo d’élite altamente specializzato.